Vita da mamma #2 L'annuncio

by - marzo 25, 2017

Ciao a tutti!
Eccoci al secondo appuntamento per la serie Vita da Mamma. Dopo aver fatto la scioccante scoperta ho iniziato a capire che c'era qualcosa da fare. Le idee, le sensazioni anche quelle più nascoste iniziavano ad uscire fuori, a materializzarsi davanti a me. I momenti di riflessione e solitudine si facevano sempre più frequenti e la pancia iniziava a vedersi. Stavo lievitando come un pandoro e non sarebbero più bastati i vestiti larghi per nascondere la mia gravidanza.
Non potevo più starmene ad aspettare il fatidico giorno, avevo bisogno di aiuto, di qualcuno che mi stesse vicino oltre ai miei familiari. Si, qualcuno ai cui avrei potuto raccontare le mie preoccupazioni e che mi avesse ascoltato senza pregiudizi. Le mie adorate amiche.
vita da mamma 2 L annuncio


Una bella mattina mi presentai a scuola, come gli altri giorni, senza particolari espressioni del viso che potessero far intravedere quello che avevo dentro. Un bel pacco regalo, con tanto di fiocco blu.
Mi misi a sedere vicino alle mie girls che capirono subito che qualcosa non andava. Io, una studentessa quasi modello che aveva fatto due giorni di assenza dopo aver fatto una visita ginecologica e che non si era mai fatta viva prima di quella mattina: dovevano indagare.
Arrivate al momento della ricreazione andammo fuori dalla classe, per avere un po' di privacy, e li iniziarono l'intervista:
"Com'è andata?", "Che ti ha detto?", "Hai qualcosa?", "Sei incinta?".
Allora a quel punto le feci calmare, iniziai dicendo che non era niente di grave, che non mi avrebbe impedito di continuare a studiare e che l'avrei affrontato con tutta la forza che una diciassettenne possa avere. Non potevo più continuare a bluffare e sputai il rospo. Dentro di me stava crescendo un piccolo fagiolino che da li a poco sarebbe stato tra noi e che avevo bisogno di tutto il loro supporto, sempre se avessero voluto.
Un fiume di lacrime ci travolse inarrestabile e sentii una morsa di amore stringermi talmente forte da entrarmi dentro. 
Ancora mille domande e dubbi mi rimbalzarono addosso e io risposi a tutte con un po' di malinconia e paura che a tratti facevano capolino. I giorni successivi si rivelarono quasi esilaranti in quanto le mie care amiche, mi portavano in giro per negozi a cercare mini pantaloni e mini camice per il loro nipotino. Mi ricordo ancora una delle prime cose che gli comprai: un paio di adorabili jeans. Nicholas quando sarebbe nato avrebbe avuto in torno a se come uno scudo protettivo che gli avrebbe dato amore sia da parte mia e del suo papà che da parte delle sue zie.
Credo di essere stata fortunata e lo ripeterò all'infinito,
Forse vi annoierò ancora per qualche post con questa mia affermazione ma è così. Non avrei mai pensato che un gruppo di adolescenti avesse potuto essere così comprensivo e protettivo nei confronti di una teen mom, soprattutto perché è un momento particolare della vita. Ci sono tanti pregiudizi, tanta cattiveria e si tende a squadrare le proprie coetanee dall'alto verso il basso. Non dobbiamo negarlo e vi garantisco che in una scuola di tutte donne, quando cammini per i corridoi, sei esaminata ai raggi x, ma con una flotta di soldatesse quali erano le mie compagne, io quasi non me ne sono accorta.Non smetterò mai di ringraziarle.


Nei prossimi post continuerò a parlarvi dei cambiamenti che ho dovuto affrontare sia nella quotidianità che nella cura del corpo e dei capelli.

Bacioni,
Martina.

You May Also Like

3 commenti

  1. E' davvero bello che tu abbia avuto intorno queste ragazze. Amiche vere...merce rara.

    RispondiElimina
  2. Eh sì proprio vero! E sono quelle che mi sopportano e supportano tutt'ora ❤

    RispondiElimina
  3. hgai avuto degli angeli intorno a te... Difficile e tanto,m so cosa vuol dire "essere in una scuola femminile" dove in tante, in troppe stanno li a osservare solo gli "eerori e le cadute" delle altre...❤si sei fortunata

    RispondiElimina