Unti e Bisunti: Gli Oli Vegetali Parte Uno

by - aprile 14, 2017

Ciao Ragazze,
oggi post alternativo ehehe , ho deciso di parlarvi degli oli vegetali, delle loro proprietà e caratteristiche e quindi dei loro migliori utilizzi, ovviamente non da spalmare sui nostri ometti, loro ci piacciono unti e bisunti come Chef Rubio.

Unti e Bisunti Gli Oli Vegetali Parte Uno  chef rubio  dmax
Fonte: Google immagini
Sul web troviamo una panacea di informazioni che non sempre sono chiare e puntuali, quindi vediamo insieme di fare un po' di chiarezza e capire come utilizzarli al meglio, evitando così sprechi, visto che nella maggior parte dei casi, sia gli oli che i burri possono essere alquanto costosi. Questo piccolo preambolo chimico sarà un po' noioso, lo so, ma trovo sia necessario per capire di che stiamo parlando.
Unti e Bisunti Gli Oli Vegetali Parte Uno
fonte: google immagini

Gli oli vegetali sono essenzialmente costituiti da lipidi. Nella maggior parte dei casi, gli acidi grassi sono trigliceridi, ovvero esteri trisostituenti la glicerina a cui sono legati catene di idrocarburi ( sostanze costituite da carbonio ed idrogeno ) che possono essere di tipo saturo, monoinsaturo e polinsaturo, questo dipende dalla presenza o meno di doppi legami nella catena carboniosa degli idrocarburi. Gli oli vegetali inoltre possono contenere acqua nella percentuale generalmente entro il 2%, oltre ad altri componenti idrofobici, sostanze chimicamente apolari come idrocarburi, fitosteroli, steroli, flavonoidi, carotenoidi, cere, eteri, esteri e diversi altri.  In generale gli oli non sono solubili in acqua con il quale non creano una soluzione appunto ma un'emulsione se agitati. La differenza tra oli e burri è proprio la consistenza, ma la natura generale è la medesima. I primi sono generalmente costituiti da acidi grassi polinsaturi e sono liquidi a temperatura ambiente, mentre i burri generalmente sono costituiti da acidi grassi saturi e sono solidi a temperatura ambiente. Pensiamo all'olio di cocco e all'olio d'oliva. 

Unti e Bisunti Gli Oli Vegetali Parte Uno  composizione chimica
fonte: Chimica Organica - B.Botta.
Gli oli si classificano poi per densità, leggerissimo, leggero, medio, pesante e pesantissimo. Mi sono dilungata troppo ahaha . Iniziamo con l'olio di albicocca,  che si ottiene dalla spremitura dei si di Prunus Armeniaca, nell'inci lo trovate spesso sotto il nome di Kernel Oil. Ha un odore gradevole, è si classifica come un olio medio, si assorbe rapidamente, ha caratteristiche emollienti e nutrienti, che favoriscono il mantenimento dell'elasticità cutanea. Stimola e regola la produzione di sebo, perciò risulta utile per le pelli miste o secche.  Nella formulazione quest'olio è utilizzato per prodotti per pelle secca o in prodotti elasticizzanti (trattamento di smagliature e rughe). Protegge la cute dai danni indotti dagli agenti atmosferici, quali freddo, vento, raggi UV.  Molti lo utilizzano come come struccante anche per i makeup waterproof. Applicato sui capelli invece li rende lucidi e morbidi, Ottimo anche come veicolo per gli oli essenziali, infatti grazie al suo potere antiossidante ne aumenta la conservazione.  Sostanzialmente è un olio sicuro quindi non ci sono limiti nella concentrazione di utilizzo. 

Unti e Bisunti Gli Oli Vegetali Parte Uno  olio di albicocca
Fonte: google immagini

Proseguiamo con uno degli oli più noti, l'olio di Argan, estratto dai frutti di Argania Spinosa, anche questo spessissimo lo trovate sotto il nome di Kernel oil. Viene classificato come olio leggero, a rapido assorbimento, poco sensibile all'ossidazione il che lo rende adatto alla veicolazione di oli essenziali. Viene utilizzato per le proprietà dermatologiche e funzionali che lo contraddistinguono: sensazione di morbidezza sulla pelle, levigatezza e setosità. L’idratazione e l’effetto barriera sulla cute si mantengono elevati nel tempo, garantendo beneficio e nutrimento alle pelli disidratate. Grazie all’elevato contenuto in acidi grassi essenziali e vitamina E, è un potente antiossidante, infatti protegge  la pelle dalle aggressioni esterne, neutralizzando i radicali liberi e assicurando alla pelle idratazione e apporto in lipidi. Nella cura dei capelli  è utilizzato per il trattamento dei capelli secchi, fragili, sfibrati e privi di lucentezza.  Può essere utilizzato in tutta sicurezza senza limitare le concentrazioni. 

Unti e Bisunti Gli Oli Vegetali Parte Uno  olio di argan
fonte: google immagini
Olio di Avocado, è estratto dalla polpa essiccata dell'avocado, ovvero Persea Gratissima Oil. Viene considerato un olio medio, è poco sensibile all'ossidazione, penetra facilmente la cute  ed è un ottimo veicolo per gli oli essenziali. Grazie alla sua composizione, vanta ottime proprietà eudermiche e sebosensibili.  Oltre a conferire alla pelle protezione nei confronti di agenti nocivi, ci sono anche le radiazione UV, alcuni dei suoi componenti sono anche in grado di stimolare l’attività dei fibroblasti che promuovono a loro volta  la sintesi di collagene solubile (con l'invecchiamento questa frazione tende a diminuire in favore di quella insolubile) mentre le avocatine fungono da inibitori della collagenasi, una proteasi che distrugge le fibre collagene.Quanto detto si traduce in un'azione spiccatamente antiage. Può essere utilizzato in tutta sicurezza senza limitare le concentrazioni. 

Unti e Bisunti Gli Oli Vegetali Parte Uno  olio di avocado
fonte: google immagini

Finalmente lui, l'olio di Cocco, estratto dalla polpa essiccata di Cocus Nucifera. Viene classificato come un olio leggero, è solido a temperatura ambiente, può essere usato come veicolo di oli essenziali,e poco sensibile all'ossidazione. Ha proprietà emollienti, lenitive, tonificanti, elasticizzanti ed idratanti. Nelle formulazioni vegetali viene usato per la pelle secca, disidratata e danneggiata dal sole. Mentre per i capelli è utilissimo per i capelli particolarmente secchi, e sfibrati. Li rende morbidi e lucenti senza appesantirli. Di quest'ultimo ve ne parlerò più approfonditamente in un post dedicato, con tante ricette beauty. 
Unti e Bisunti Gli Oli Vegetali Parte Uno  olio cocco
Fonte: google immagini
Olio di Germe di Grano, si ottiene dai semi germinati del Triticum Vulgare, negli inci spesso lo trovate sotto il nome di wheat germ oil, oppure solo wheat oil. Viene classificato come olio medio, ha la caratteristica di essere un olio eudermico e sebosensibile, penetra facilmente nella cute. Purtroppo è molto sensibile all'ossidazione, quindi irrancidisce facilmente. Può essere comunque utilizzato come veicolo per gli oli essenziali, da applicare però in maniera immediata. Risulta pertanto particolarmente indicato per la formulazione di prodotti cosmetici rivolti alle pelli secche, mature, rilassate e sensibili. E’ utilizzato anche in prodotti solari  per le sue proprietà lenitive ed antiossidanti.  Nella cura dei capelli: l'olio di germe di grano restituisce salute e lucentezza ai capelli secchi e soggetti a stress. Applicato sulla cute è un ingrediente sicuro ad ogni concentrazione di utilizzo. 

Unti e Bisunti Gli Oli Vegetali Parte Uno  olio germe grano
Fonte: google immagini

Ragazze il post non è ancora concluso, ma preferisco suddividerlo, gli oli di cui parlare sono veramente tanti e non voglio tediarvi con un articolo chilometrico. Troverete il secondo post sotto il titolo di Unti e Bisunti: gli oli vegetali parte due e probabilmente anche parte 3. Come sempre spero di esservi stata utile e fatemi sapere se volete che vi parli di qualche olio in maniera più specifica e dettagliata. Vi metto anche la bibliografia se qualcuno è interessato ad approfondire l'argomento, sono tutti i miei libri universitari ehehe. Ps: vi ricordo che tutti gli oli sia sul corpo che sui capelli vanno applicati su una base umida per permettere l'assorbimento. 

                                                                                             Un bacio, Agnese Morgana

Fonti Bibliografiche : 
-Chimica Organica - B.Botta
-Elementi di Fitocosmesi Volume 1 - G.Proserpio, A. Martelli, G.F.Patri.
-Manuale delle Preparazioni Cosmetiche e Dermatologiche - F.Bettiol, M. Cecchi.

You May Also Like

2 commenti

  1. Articolo interessantissimo. Complimenti per l'accuratezza nella ricerca e nella spiegazione! Io uso solo l'olio di avocado e di cocco,ma non sapevo che l'olio di avocado potesse proteggere la pelle dai filtri Uv 😰😱

    https://bebibi.wordpress.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è il principio cardine dei solari di origine vegetale :) nei post seguenti sicuramente ci saranno altre info anche suglia altri oli :)

      Elimina