Trattamento piedi Patchology Poshpeel, funziona?

by - dicembre 07, 2017

Ciao a tutte!
D'inverno i piedi sono nascosti e costretti in calze strette di nylon, spesso trascurati e poco curati. Due volte l'anno sento il bisogno di fare un'esfoliazione chimica, ve la consiglio soprattutto quando la pelle dei piedi è inspessita e quando compaiono calli e duroni, è davvero una mano santa!
Ho provato diverse maschere esfolianti per i piedi più o meno valide, questa volta ne ho approfittato per testare la nuova Poshpeel di Patchology in vendita da Sephora.

recensione poshpeel patchology

Il kit contiene un sacchetto con due calzini monouso e 2 bustine monodose di liquido esfoliante, dotate di tappino. Questo particolare non è affatto da trascurare, permette di conservare il prodotto per una eventuale applicazione. Ritengo però che la quantità di 20 ml a piede sia la dose giusta e necessaria per un unico utilizzo, i calzini sono impregnati a sufficienza ma non eccessivamente carichi.

rendensione poshpeel patchology

Il trattamento è a base di acido glicolico, acido salicilico, acido lattico ed estratti naturali degli acidi della frutta, che svolgono un'azione rigenerativa ed idratante della pelle.
Vi consiglio di dedicare una buona mezza giornata tutta per voi, i tempi di posa sono abbastanza lunghi. È preferibile iniziare con una doccia calda o un pediluvio, in modo da ammorbidire la pelle e prepararla al trattamento. Dopodichè si procede versando il contenuto dell’essenza attivatrice in una maschera in tessuto per i piedi e solo dopo la si indossa. Si aspetta che il trattamento faccia effetto per un'ora o un'ora e mezza per un effetto più intenso, quindi si risciacquano i piedi ed è tutto. Evitate se avete taglietti, vesciche o ferite, il prodotto brucia maledettamente!
La sensazione di piedi bagnati non è il massimo, soprattutto d'inverno, così infilo dei calzettoni sopra i calzini per tenerli più caldi e per non scivolare a contatto con le pantofole. Nel mentre è possibile procedere con le faccende di casa, unica accortezza è di non sdraiarsi e non addormentarsi perché se si alzano i piedi il prodotto tende ad uscire dai calzini. Di solito ne approfitto per dedicare del tempo tutto a me, con una maschera per capelli, una manicure e un tè caldo.
A trattamento ultimato i piedi risultano lisci e morbidi, ma la vera trasformazione avviene a distanza di giorni, quando la pelle inizia letteralmente a cadere a pezzi. Dopo circa 5/7 giorni si ha una rigenerazione completa della pelle, la tentazione di tirare le pellicine è tanta, ma bisogna attendere che le cellule morte vengano via da sole per evitare sanguinamenti o ferite. Lunghe docce e applicazioni costanti di crema aiutano molto a velocizzare il processo di esfoliazione.
Il risultato è ottimo, pelle liscissima, morbida, vellutata e finalmente senza più calli! Si consiglia di ripetere il trattamento a distanza di 4-6 mesi, quando i piedi ne sentono di nuovo il bisogno.
Il trattamento Poshpeel Patchology ha un costo di 12,50€ e lo trovate è in vendita da Sephora. Se come me avete difficoltà a reperire l'analogo prodotto Shiny Foot Super Peeling Liquid di Tonymoly nei negozi Sephora, questo è un'alternativa più che valida!

Natalia

You May Also Like

0 commenti